• Home
  • /Art
  • /Una foto per un figlio che non ho
Una foto per un figlio che non ho

Una foto per un figlio che non ho

“Rendi il tuo spirito simile al vento, che passa su tutte le cose senza attaccarsi a nessuna di esse.”

- Proverbio Zen

 

Figlio mio, mi hanno scattato questa foto tanto tempo fa, avevo appena compiuto trent’anni, sigaretta in bocca, testa in aria e scarpe consumate. Quanti pensieri complicati sotto quel cappello, quanti sogni strampalati, un amico ripeteva sempre che ero un “tormentato”, che a quella brutta testaccia non davo mai riposo, mi chiedeva sempre perché non riuscissi a comportarmi come gli altri, come mai non scegliessi mai la strada facile, avevo un talento naturale nel stancare le persone. La verità figlio mio che al tuo Babbo la strada facile non è mai piaciuta. Non sono mai stato uno sportivo, la competizione mi annoiava, mai stato uno studente modello, troppe regole, non sono mai stato un “Don Giovanni”, troppo gentile dicevano, a me piaceva la fotografia, la letteratura, la musica, il cinema, a me piacevano le storie e mi piaceva raccontarle. Guardala bene questa foto, io sono questo, un po’ di barba, una sciarpa legata alla cintura e lo sguardo verso un domani che chissà quando arriverà. Ti diranno che non ho mai concluso niente, ti parleranno del mio brutto carattere, qualcuno proverà a convincerti di non ascoltarmi, proverà a venderti un modello di vita sicura, ti diranno che se lo dicono tutti un motivo ci sarà, che non si può essere sempre da soli, che avvolte bisogna adattarsi. Rispondigli, fai vedere questa foto, di a tutti che noi siamo questi, seduti su un tetto a Buenos Aires mentre il mondo vive attorno a noi, digli che noi parliamo guardando negli occhi, di che questo nostro cuore grande, quando batte fa un rumore assordante, di che non la vogliamo la loro vita sicura, noi vogliamo rischiare tutto per un bacio, e perdere, e ricominciare per poter rischiare ancora, ma tutto questo dillo sorridendo, gentilmente. Guardala bene questa foto, se puoi portala sempre con te, magari mettila in una scarpa, consumala piano piano lungo la tua strada, che bel viaggio che ti aspetta. Ci saranno amori, risate, te lo prometto, qualche lacrima a dar sapore e ci saranno stelle, di quelle luminose e una luna bella, calda a farti compagnia, non aver paura la vita non fa male.

Questa foto è tua, per quando potrai capirla, per quando arriverai, intanto io la tengo qua che presto è già domani…